Posts Tagged ‘terremoto’

Aiuti in Emilia: come è andata a finire?

Wednesday, June 27th, 2012

Eccomi di ritorno dall’emilia.

Nei giorni scorsi abbiamo raccolto tanti prodotti grazie ad amici e clienti del negozio.
Il risultato è stato un furgone pieno di vestiti, pasta, generi di prima necessità, pannolini, scatolame, ecc.

In questo caso il senza glutine c’entrava poco o niente, visto che i celiaci nei campi emiliani si contano sulle dita della mano destra di un falegname distratto.

Con gli altri ragazzi con cui sono partito avevamo deciso di distribuire i prodotti nei campi autogestiti, vale a dire nei tanti campi sorti spontaneamente e non gestiti da protezione civile o croce rossa: persone che preferivano non allontanarsi dalla loro casa o dalla loro azienda per paura degli sciacalli, altri in attesa dell’arrivo di un ingegnere che li informasse sull’agibilità della loro casa, altri ancora che hanno preferito organizzare la loro vita post terremoto insieme ai vicini e nel proprio paese, non a chilometri di distanza da quella che è (o era) la loro abitazione.

Avevamo tutti risposto ad un appello accorato di una ragazza di Modena che ci descriveva una situazione apocalittica: mamme in lacrime che ti fermano al semaforo in cerca dei pannolini per i loro figli, mancanza totale di bagni chimici e docce da campo, scarsità di viveri, ecc.

Sinceramente, la situazione che abbiamo trovato era molto distante dal concetto di apocalisse.
Per fortuna, ovviamente.

La situazione che ho visto con i miei occhi a Rovereto, Fossa, Concordia, Vallalta, Novi, ecc la definirei così: “difficoltà organizzata”.

Forse, anzi, sicuramente nei primissimi giorni successivi alle due grandi scosse la situazione era fuori controllo: c’è da dire però che il meteo è stato clemente e che la popolazione ha saputo organizzarsi ed auto-regolarsi al meglio: abbiamo trovato chiesa e parrocchie sempre presenti ed attive sul territorio, scout ben organizzati quanto a pranzi ed a sistemazione delle tende, centri autonomi di raccolta e smistamento dei tanti aiuti fortunatamente arrivati.

A questa ottima base spontanea di solidarietà vanno sommati gli aiuti istituzionali di protezione civile, comuni italiani, croce rossa, ecc.

C’è da dire inoltre che il terremoto ha insistito in una zona fortunatamente ricca: in tanti hanno avuto la possibilità di spostarsi nella loro seconda casa, moltissimi avevano già a disposizione camper o roulotte, altri devono averle acquistate subito, considerato che moltissimi camper che ho avuto occasione di vedere erano davvero ottimamente equipaggiati e nuovi di zecca.

Per difficoltà organizzata intendo anche una popolazione laboriosissima, che si rimbocca le maniche, non si abbatte, “barcolla ma non molla”: alcuni stanno ricostruendo la loro casa a proprie spese…altri hanno già spostato le loro attività anche a poche centinaia di metri da dove si trovavano prima, al limite in container o in casette prefabbricate sul ciglio della strada.

Non sono passati neanche 20 giorni dall’ultima scossa. Ho visto una laboriosità straordinaria, tanta voglia mista come è normale che sia a tanta paura che piano piano andrà via.

Non voglio quindi dire che il nostro intervento sia stato inutile, ma onestamente non mi sento di raccontarvi che da Roma sono partiti The Avengers, i vendicatori anti protezione civile che hanno salvato gli emiliani dalla peste e dalla fame.

La verità è che gli emiliani ci hanno accolto con affetto (come sempre). Il nostro aiuto è stato apprezzatissimo ma si è sommato ad una ottima base di auto organizzazione.

Ci aspettavamo campi autonomi scollegati tra loro. Fortunatamente abbiamo trovato persone solidali l’una con l’altra, parroci che ci spiegavano che le nostre scatole di pomodori non erano certo le prime che ricevevano, ma erano importanti per l’organizzazione dei pasti dei mesi a venire.
Siamo stati guidati da un campo all’altro da persone che con un giro di telefonate hanno sondato le esigenze di chi come loro aveva scelto, spesso “solo” per paura, di non rientrare in casa ma di dormire in giardino per paura di nuove scosse, anche se la casa non aveva subito danni.

Come ripeto, siamo partiti pronti al peggio.
Fortunatamente abbiamo trovato una situazione diversa, ovviamente lontanissima dal benessere, dal campeggiare in serenità o dal solo esplicarsi di fisime e di paure psicologiche.

La terra ha tremato eccome, i centri storici di molti paesi sono venuti completamente giù, di gente che ha perso casa ce ne è stata tanta, molti capannoni sono inagibili, tante case andranno abbattute perché irrecuperabili. Ci sono stati alcuni morti. Tutto questo l’abbiamo verificato e faceva male agli occhi.

Non è stato e non è uno scherzo.

Però ripeto, gli emiliani che ho avuto occasione di conoscere hanno da insegnarci la ricostruzione, non hanno bisogno di essere guidati da noi. Sanno già come impiegare i fondi, non serve loro una nostra consulenza. Sanno bene come far rinascere i loro paesi. Non aspettano nessun deus ex machina.

Non sono quindi rimasto deluso dal fatto che siamo partiti credendo di essere generali ed invece ci siamo trovati di fronte un esercito esperto ed auto organizzato.
Sono rimasto però stupito da tanta qualità.

L’italia vera che ho visto in questi giorni è fatta da sindaci che se ne fregano dell’arrivo del Papa e che hanno paura che il loro diventi un paese fantasma, perché l’Italia finta, cioè il governo ed i burocrati, stanzieranno due lire per la ricostruzione e renderanno pachidermico un meccanismo teoricamente leggerissimo.

L’Italia vera che ho visto in questi giorni è fatta di persone che non essendo religiose credono che una delle prime cose da ricostruire sia la chiesa del loro paese, dato il potere collante ed aggregante che da sempre ricopriva quello che non era solo un edificio.

L’Italia finta che mi hanno raccontato è quella che fa sì che la protezione civile si occupi solamente dei campi che gestisce pur avendo cibo e risorse in abbondanza anche per i campi autonomi limitrofi.
Serve poi l’intervento dell’amico dell’amico, del parroco o dell’avvocato conosciuto da tutti per avere dopo 10 giorni un bagno chimico od una doccia da campo: ecco l’Italia finta che ho visto in emilia.

L’Italia vera è fatta di gente che ti dice di no quando gli chiedi se ha bisogno di altre casse d’acqua perché magari ne ha già abbastanza e sa che accettare quella cassa d’acqua in più significa toglierla a chi ne ha più bisogno: te lo dice da una tenda della Quechua comprata da Decathlon, a 40 gradi sotto al sole, ringraziandoti mille volte perché ti sei fatto 600 km per portargli una cassa d’acqua.

Finisce che ti senti tu in difficoltà, ti senti tu un emerito coglione perché in fondo, molto in fondo, ti saresti sentito più utile se ti avesse risposto di sì a quella tua offerta, e ripensandoci ti piaci un pochino di meno perché pensi questa cosa.
Torni a casa con l’intento di continuare a seguire quello che succede in emilia perché hai capito che la cosa che uccide queste persone non è la tua assenza fisica, ma l’assenza del tuo interesse per il loro presente e per il loro futuro.

Ritornando a noi, visto che in teoria questo è un blog aziendale, non posso che ringraziare quei pochi clienti che ci hanno portato tante cose.

Esatto: pochi clienti ci hanno portato un sacco di cose.

Persone che arrivano alla fine del mese arrancando e che si sono fidate di Celiachiamo per fornire un aiuto diretto agli emiliani, consegnandoci buste piene di prodotti comprati appositamente.

Dai miei clienti mi aspettavo una risposta più ampia, ma in ogni caso tra amici e clienti il camion è stato ugualmente riempito.

Questa raccolta di prodotti e questa esperienza hanno confermato le mie idee e le mie sensazioni “chimiche” su alcune persone che vengono da noi a fare la spesa, nel bene e nel male.

Non me ne vogliano gli altri, ma in particolare ringrazio una ragazza che si chiama Anna.
La ringrazio non per i prodotti portati, ma per come ci ha portato i prodotti, per l’empatia e per il valore che quando la busta che mi porti passa dalla tua alla mia mano, magicamente si trasmette a me, mi responsabilizza, mi investe, mi conquista.

Ringrazio poi Francesca: quando c’è lei tutto è bello e non può succedere nulla di male.

Milena e Michela: una bella scoperta ed una bella conferma.

Aurora e Roberto: un ciclone in miniatura e una faccia buona, quindi un cuore buono.

Ringrazio anche alcune persone affette da sindrome del missionario; prima o poi capiranno che non odiare nessuno non significa amare tutti.

Finisco ringraziando molte delle persone che ci hanno accolto tra un campo e l’altro.

Sono state la prova provata che la beneficienza è una cosa stupida e la solidarietà ha le gambe corte se non c’è condivisione.

Pubblicato da Celiachiamo.com Srl
Vendita e distribuzione prodotti senza glutine
Via Giulio Venticinque 32/34 - Roma
www.celiachiamo.com

Aiuti per il terremoto in Emilia

Monday, June 11th, 2012

Alcuni clienti del negozio diventano amici.

La loro spesa diventa quindi un momento di approvvigionamento prodotti ma anche di confronto su tutto quello che succede al di fuori del mondo del senza glutine.

A proposito del terremoto emiliano di qualche giorno fa, Michela, la mia amica/cliente, mi ha informato che una sua amica emiliana si trova nella bassa modenese, tra Concordia, Rovereto, e frazioni limitrofe.

Sembra che la protezione civile in quelle zone non sia molto presente nella distribuzione degli aiuti alle persone che hanno perso casa e che non hanno più un posto dove andare a lavorare o una scuola dove portare i loro figli.

L’amica di Michela le descriveva quindi una situazione davvero difficile: mamme in difficoltà per non avere a disposizione i pannolini e gli omogeneizzati per i loro bimbi, scarsità di acqua e di prodotti per l’igiene personale, ecc.

In tv la situazione che descrivono è quella di un momento complicato ma si racconta una difficoltà controllata da aiuti presenti e capillari.

Quello che mi è stato descritto è invece uno spaccato di realtà diverso.

Quando ci fu il terremoto a L’Aquila più volte i miei colleghi ed io ci informammo su come poter essere utili alla protezione civile ed a chi coordinava gli aiuti. Quando ci siamo recati di persona nel più grande campo aquilano la realtà era molto diversa da quella che ci raccontavano: molto più caotica, in alcuni casi paradossale. A dir la verità, una sorta di “rabbia” su alcune cose viste e sentite non ci è ancora passata del tutto.
Speriamo però di riuscire a trasformarla in un motore utile e positivo.

L’organizzazione degli aiuti è cosa difficilissima, soprattutto quando le risorse sono scarse.

In Emilia sembra che chi si trova nei campi di accoglienza della protezione civile sia effettivamente destinatario dei tanti aiuti che arrivano da ogni parte d’Italia.

Molte persone però hanno preferito non abbandonare la loro casa o la loro fabbrica: spesso si dorme nel giardino o in spiazzali per timore degli atti di sciacallaggio, per difendere i macchinari o le materie prime che serviranno a far ripartire la produzione, oppure semplicemente per non abbandonare la propria esistenza ed il proprio quotidiano. In finale quella è casa tua, quella lesionata è la tua azienda.

Quella è la tua vita.

Molte case o fabbriche inoltre sono in attesa dell’agibilità da parte dei tecnici. Non si può ritornare in casa se non accompagnati da un vigile del fuoco. Solo dopo un sopralluogo degli ingegneri si può avere la sicurezza che la propria casa o la propria azienda siano strutture sicure per sé e per gli altri.
Come tutti sappiamo, i tecnici sono pochi e le case da ispezionare una infinità.

Ho pensato quindi di recarmi sul posto con Michela ed incontrare lì la sua amica emiliana.
Partiremo con un paio di furgoncini portando alcuni prodotti raccolti grazie ad amici e clienti.
A nostra volta saremo guidati da un gruppo di persone del luogo che ci porteranno nelle zone dove la protezione civile non è ancora arrivata ma sembra ci sia necessità dei prodotti più disparati, dai piatti di carta alla schiuma da barba passando per zampironi e succhi di frutta.

Non mi interessa in questa fase capire se ci sono latitanze della protezione civile.

Al momento mi fido di Michela e mi fido dei miei occhi, quindi voglio verificare che quanto raccontatomi sia vero, sperando in realtà che la situazione che ci troveremo di fronte sia molto più tranquilla di quella descritta.

Nella “peggiore” delle ipotesi, lasceremo tutti i prodotti alla protezione civile modenese.

In caso di necessità torneremo nuovamente in loco.

Abbiamo deciso di partire Venerdì 22 Giugno e di distribuire i prodotti tra Sabato e Domenica.
Questo è il gruppo Facebook che ci aiuta a coordinarci: https://www.facebook.com/groups/403921086313578/

Michela ed i suoi amici hanno raccolto davvero moltissime cose e già le hanno divise per tipologia.
C’è davvero un sacco di roba e di questo siamo felicissimi.

Questo post serve,  nel caso tu sia di Roma, ad aiutarci a raccogliere quello che al momento più ci manca:

  • Piatti, bicchieri e stoviglie di plastica
  • Asciugamani
  • Merendine per bimbi
  • Zampironi e Autan,
  • Schiuma da barba e lamette
  • Succhi di frutta
  • Olio

Non ci servono prodotti senza glutine.

Se riesci, fino alle ore 13:30 di Giovedì 21 Giugno, ti saremo grati se riuscirai a portare questi prodotti presso i negozi Celiachiamo di Roma:

  • Roma Nord: Celiachiamo.com, Via Giulio Venticinque 32/34 (zona Cipro), orari 9:30-13:30 e 15:30-19:30
    Info al num verde 800/128020.
  • Roma Sud: Celiachiamo.com, Via Latina 160/162 (Zona San Giovanni - Furio Camillo), orari 9:30-13 e 15:30-19:30
    Info al numero 06/60665717

Come ripeto, NON ci servono prodotti senza glutine e non ci servono soldi, così come al momento non ci servono pasta, pelati, scatolame vario ecc.

Se vuoi aiutarci, fai riferimento solo alla lista prodotti presentata.

Se sarà necessario un altro viaggio, in un nuovo post daremo istruzioni su cosa servirà e su dove poter portare i prodotti necessari.

La nostra garanzia personale è che tutto quello che ci viene portato andrà in Emilia.
Ovviamente documenteremo il tutto.
Parola di Celiachiamo.

Passi parola?

Grazie

Pubblicato da Celiachiamo.com Srl
Vendita e distribuzione prodotti senza glutine
Via Giulio Venticinque 32/34 - Roma
Via Latina 160/162 - Roma
www.celiachiamo.com

Aggiornamenti dall’Abruzzo: le forniture senza glutine

Saturday, April 11th, 2009

Aiuti alla popolazione abruzzese

Aiuti alla popolazione abruzzese

Ci sono delle cose che proprio non riesco a capire.

Tutti sembrano organizzatissimi, strutturatissimi, con in pugno le situazioni.
Poi invece ti accorgi che i castelli di carte sono molto più numerosi dei castelli veri. E crollano con la stessa facilità con cui sono crollate le case abruzzesi, costruite con il cemento impastato con la sabbia del mare…per risparmiare quei centesimi che sono costati tante vite…

Oggi abbiamo portato alla tendopoli di piazza d’armi all’Aquila il primo carico di prodotti senza glutine: colombe e pizze al formaggio appositamente realizzate da Cose dell’Altro Pane ed alcuni cartoni di pani, pasta e biscotti del nostro magazzino.

Domani torneremo con altre pizze sempre del laboratorio artigianale romano (grazie a Maria ed a tutte le ragazze di Cose dell’Altro Pane per gli sforzi di questi giorni) altre colombe, pasta, ecc ecc.

Beh c’è la Croce Rossa, la Protezione Civile, le associazioni di celiaci direte voi: Sicuramente qualcuno avrà pensato ai celiaci vittime del terremoto. Se ne è parlato tanto su siti, forum, blog…

La realtà è che quando abbiamo consegnato gli scatoloni a Giovanni, il responsabile della farmacia da campo dell’accampamento di piazza d’armi, quelli erano i primi prodotti senza glutine che la farmacia riceveva.
E considerando che il campo di piazza d’armi è il principale dell’Aquila e che quella è la farmacia da campo centrale, allora a dirvi la verità le cose che non capiamo sono davvero diventate molte.

  • Non capiamo ad esempio come sia possibile che organizzazioni, associazioni, case farmaceutiche, grandi aziende, ecc che in teoria dovrebbero assistere i celiaci non si siano organizzati per far arrivare prima di Pasqua qualche prodotto senza glutine a quelle povere persone.
  • Non capiamo perchè pur sapendo che i corrieri espressi non consegnano in questi giorni a L’aquila e dintorni nessuno si sia organizzato per prendere la macchina e portare lì qualche prodotto. Da Roma sono solamente 100 chilometri: non ci sentiamo di certo degli esploratori per aver fatto 100 chilometri con qualche scatolone…
  • Non capiamo perchè si provi a fare politica anche su queste cose, disorientando anzichè canalizzare le volontà delle tante persone desiderose di dare aiuto.

Siamo molto arrabbiati.

Siamo arrabbiati perchè a stare davanti alle tv a dispiacersi sono bravi in tanti, dirigenti, presidenti, coordinatori in testa.
Levare dai propri scaffali 3 pacchi di pasta, inviare una mail in cui si invitano i propri associati a portare un pacco di biscotti in quel determinato posto oppure fare due telefonate per organizzare una raccolta di prodotti evidentemente è troppo complicato. Fare 100 chilometri in macchina diventa difficile come attraversare il deserto…

La realtà è molto più semplice: basta un po’ di buona volontà, 5 euro per pagare il casello, fare 500 metri dall’uscita dell’autostrada e consegnare a Giovanni i propri prodotti.
Abbiamo creato uno spazio dedicato al senza glutine: domani ed il giorno di Pasqua chi vorrà avrà il suo piatto di pasta, la sua pizza e la sua colomba gluten free.

E buona Pasqua (con un po’ di amarezza) a tutti voi.

Prodotti senza glutine per il terremoto in Abruzzo

Thursday, April 9th, 2009

Prodotti senza glutine per L'Abruzzo

Prodotti senza glutine per L'Abruzzo

Crollano le case, la gente sta per strada, dorme in macchina o sotto una tenda.

Chi è sopravvissuto magari ha perso tutto.

Sì ok, ma la celiachia che centra mi dirai.

Centra perché ci sono 28mila persone senza casa. Ed in questi momenti credo che le attenzioni all’alimentazione senza glutine se le pongano in pochi.

Da due giorni abbiamo contattato AIC offrendo il nostro aiuto per l’invio di alimenti senza glutine alle popolazioni terremotate abruzzesi.

La risposta che ci è arrivata è stata di “aspettare in modo da evitare di disperdere energie, sprecare risorse ed arrecare danno con l’intento di far bene”.

Abbiamo amici a L’Aquila. Avevamo amici a L’Aquila.

Le informazioni che abbiamo da lì sono di una disorganizzazione e di una confusione generale molto alta.

Non è facile coordinare i soccorsi ma è doveroso a nostro giudizio dare una mano concreta.
Per questo motivo abbiamo deciso di non demandare ad altri e di operare noi in prima persona, certi di fare la cosa migliore, la cosa più utile in questo momento, e certissimi di non arrecare danno a nessuno.

Il nostro spedizioniere ci ha avvisato che ad oggi i collegamenti con L’Aquila sono interrotti. Tra L’Aquila est e L’aquila Ovest l’autostrada è ancora chiusa per danni ai cavalcavia.

Grazie al nostro laboratorio (Cose dell’Altro Pane) partiremo venerdì e consegneremo a Giovanni, il responsabile dell’ospedale da campo allestito a L’Aquila, un centinaio di colombe senza glutine e diverse teglie di pani e pizze realizzati appositamente dalle ragazze del laboratorio artigianale romano.

Oggi pomeriggio siamo riusciti a parlare con Giovanni anche grazie all’intermediazione del vicepresidente di AIC Abruzzo. Abbiamo chiesto informazioni sulla situazione relativa agli alimenti senza glutine e Giovanni ci ha detto che non c’era ancora nulla.

Sabato torneremo nuovamente a L’Aquila per effettuare una seconda consegna di alimenti senza glutine.

Questa volta porteremo alimenti secchi, pasta, pane, biscotti, ecc.

Li consegneremo personalmente, formeremo il personale ad uno stoccaggio e ad una distribuzione corretta e torneremo a Roma.

Faremo in sostanza quello che con un po’ più di impegno e di volontà avrebbero potuto fare anche altri.