Posts Tagged ‘aic’

Associazione Italiana Prezzi Bassi

Thursday, February 7th, 2013


Uno degli scopi, se non lo scopo principale dell’Associazione Italiana Celiachia dovrebbe essere il miglioramento della qualità della vita dei celiaci.

Doverosa premessa la mia.
Doveroso condizionale il mio.

E’ di pochi giorni fa la notizia che anche in Lombardia saranno ampliate le modalità di erogazione dei prodotti senza glutine: largo quindi a supermercati, ipermercati e GDO (Grande Distribuzione Organizzata).

Tutti i presidenti regionali di AIC con cui ho avuto occasione di parlare e tutte le persone che in AIC hanno potere decisionale mi hanno sempre comunicato che l’apertura ai supermercati è da loro considerata un passaggio chiave per l’abbassamento dei prezzi dei prodotti senza glutine.

In effetti su questo non ho nulla da eccepire: all’università mi hanno insegnato che più competitor significano più concorrenza e che più concorrenza significa abbassamento dei prezzi.

Ma all’università si studiano i mercati normali, non quelli finti.

Il mercato dei prodotti senza glutine è un finto mercato. Lo ripeto da quando ho avuto in mano il primo listino di acquisto prodotti quando aprire un negozio specializzato in prodotti senza glutine era ancora solamente una idea che frullava in testa.
Solo in riferimento a questo blog, la pantomima dei prezzi è stato argomento principale, a mia memoria, almeno una decina di volte.

La denuncia dei prezzi artificialmente gonfiati è da sempre un mio argomento ricorrente quando ho occasione di parlare con i dirigenti di ASL, Regioni, del Ministero della Salute, vertici dell’Associazione Italiana Celiachia, ecc.

Le cose però non cambiano alla radice, ossia alla fine della fiera, alla fine dell’impegno (vero o presunto) di tutti, alla fine delle “battaglie vinte”, il risultato è che a meno di offerte sottocosto di Lidl, un celiaco medio non se la cava con meno di 6 euro per un kg di farina, figuriamoci per un prodotto finito.

Come mai?

Lo riririririririspiego in breve.

Noi negozianti, proprio come gli odiati farmacisti, abbiamo un prezzo di acquisto prodotti evidentemente diverso dal prezzo di vendita dei prodotti stessi.

A molti celiaci sembrerà strano, ma noi negozianti (ed i farmacisti) abbiamo un guadagno nella vendita dei prodotti.
Per inciso, quelle 65 ore che mediamente passo al negozio ogni settimana non sono (ma sarebbe meglio utilizzassi un condizionale) una opera caritatis.

Invito da subito i furbacchioni che stanno pensando che mi stia arricchendo a fare a scambio di automobile con me, se lo credono davvero: io metto sul tavolo una Peugeot 106 immatricolata a Gennaio 97′ color marrone smagliante e 197mila km sulle ruote.
Chi (s)offre di più? :)

Benintesi, non mi lamento, la mia brownie non la cambierei per quasi nulla al mondo.
E riaprirei 1000 volte i negozi Celiachiamo perché indipendentemente dalle difficoltà incontrate faccio un lavoro fichissimo.

Vabbeh, macchine scalcagnate a parte, quello che vorrei spiegare è che negozi specializzati e farmacie hanno dalla propria Regione un rimborso pari al controvalore dei prodotti acquistati dai singoli clienti.

Ecco a cosa servono quelle fustelle, ossia quei codici a barre che si staccano dalle etichette dei prodotti senza glutine.

Paghi il Pane Casereccio della Schar € 4,24?
Significa che Schar ha notificato al Ministero della Salute quel prodotto a quella cifra.

La Regione rimborserà € 4,24 al farmacista ed al negoziante che dimostreranno l’acquisto di quel pane tramite la presentazione della ricetta del celiaco con applicata sopra la fustella del pane casereccio.
Anche nelle virtuose regioni in cui non c’è lo stacca-attacca delle fustelle ma il collegamento telematico il sistema di rimborso non cambia.

Farmacisti e negozianti hanno da parte delle aziende uno sconto sul prezzo che le aziende stesse notificano al Ministero.

Hai capito bene. Uno sconto.

E, so che ti è sfuggito, se rileggi quanto scritto ho detto che sono le aziende a comunicare i prezzi che il Ministero dovrà rimborsare.
Il Ministero della Salute cosa fa? Approva tutti i prezzi che le aziende gli “propongono”.
Produci pane carasau e fai pagare 20 euro per pochi grammi ogni tua confezione? Benissimo, il Ministero ti dirà che per il tuo prodotto la Regione rimborserà i 20 euro che chiedi.
Vuoi alzare il prezzo di un prodotto per cui il Ministero ti ha già approvato la notifica?
Nessun problema, comunica il nuovo prezzo e la comunità lo pagherà senza batter ciglio.

Capisci ora perché una azienda come Happy Farm ha lanciato sul mercato un cioccolatino rimborsabile dal SSN che costa 100 euro al kg?
Certo, paga pantalone!

E’ un mercato normale od un mercato finto quello che sto descrivendo?

Ritorniamo al discorso dello sconto.

Negozianti e farmacisti hanno dalle aziende produttrici uno sconto che parte dal prezzo al pubblico del prodotto. Che so, ad esempio l’Happy Farm di turno propone un 30% di sconto su quel prezzo.

Che c’è di strano?

La stranezza è che in un mercato normale il negoziante ha un prezzo di acquisto e poi, in base alla propria struttura aziendale, decide quanta percentuale “ricaricare” sul suo prezzo di acquisto.

Solitamente, ad esempio, nel settore abbigliamento c’è un ricarico del +100% sul prezzo che il negoziante paga quel jeans o quella maglietta.

Sconto e ricarico non sono quindi la stessa cosa e non hanno le stesse conseguenze.

Con il ricarico c’è mercato e c’è concorrenza, in quanto ogni negoziante potrà vendere quel jeans o quella maglietta ad un prezzo più concorrenziale del negoziante vicino, magari riducendo il proprio ricarico.

Con lo sconto non c’è mercato e c’è al massimo con-presenza, in quanto sono le aziende produttrici a giocare sul fatto che il prezzo di vendita sia imposto.
Non a caso i prezzi al pubblico sono uguali per tutti.

Si chiama cartello, c’è poco da girarci intorno.

Le menti più sofisticate potrebbero dirmi: ma scusa, chi ti vieta di abbassare i prezzi al pubblico e di chiedere alla tua Regione un rimborso più basso del prezzo rimborsato solitamente dal SSN?

Indipendentemente dal fatto che questa cosa in molte regioni non è neanche tecnicamente possibile, ed anche se spesso chi ti scrive abbassa i prezzi dei prodotti più che può (se sei mai entrato in un negozio Celiachiamo o sul sito celiachiamo.com lo sai di certo), secondo te le aziende produttrici ti danno la possibilità di avere una marginalità tale da poter abbassare i prezzi in maniera significativa?

Se il pallino del prezzo fisso è in mano al produttore (e non al mercato), come puoi pensare che sia possibile un abbassamento significativo del prezzo?

Riassumendo, nel settore senza glutine il produttore sceglie quanto far pagare alla collettività i propri prodotti, ossia sceglie quanto guadagnare, il Ministero della Salute per “inspiegabili” motivi non si oppone all’accettazione di questo prezzo, e negozianti e farmacie non possono operare sul prezzo in quanto non hanno i margini per poterlo fare, visto il giochino così architettato.

Il celiaco, cliente finale, si ritrova dove solitamente si trova il cetriolo dell’ortolano ad assistere inerme al rarissimo caso di un mercato in cui i fruitori clienti celiaci come lui aumentano in continuazione, l’offerta di prodotti si arricchisce sempre più, i punti di approvvigionamento prodotti sono sempre più numerosi, le aziende produttrici sempre più numerose…ed i prodotti sempre più cari.

Porca miseria, quasi quasi torno all’università a raccontarlo anche a loro.
Magari mi becco il bacio accademico.

All’inizio del post parlavo dell’ampliamento ai supermercati nella rivendita dei prodotti senza glutine.

Hai notato come al supermercato molti prodotti senza glutine costino meno che nei negozi o nelle farmacie?

Pensi che il prezzo al pubblico più basso lo faccia la capacità che un supermercato ha nell’acquistare grandi volumi di quel determinato prodotto e quindi di strappare al produttore un prezzo di acquisto più basso.

Niente di più sbagliato.

Chi ti scrive, essendo a capo di più negozi specializzati e monodedicati al gluten free, vende di un qualsiasi prodotto senza glutine volumi molto più alti di un qualsiasi gruppo di supermercati generici.

Ma non riesce ad avere prezzi di acquisto così competitivi.

Pensa (arrivato a questo punto non avrei motivo di dirti falsità, non credi?) che ogni volta che un qualsiasi supermercato fa una offerta su un prodotto senza glutine, sarebbe conveniente per un qualsiasi negoziante o farmacista andare lui stesso a fare incetta del prodotto in offerta per poi rivenderlo in casa propria al prezzo standard (quello mutuabile e rimborsato dalla Regione), perché nettamente più basso del suo prezzo di acquisto ordinario.

Inoltre molti produttori, pensando di dividere i canali (con ricetta in farmacie e negozi e cash al supermercato) hanno realizzato linee di produzione identiche nel contenuto, ma diverse solamente nel confezionamento.

E nel prezzo.

Stesso prodotto, confezionato in due modi diversi e con nome diverso.

Prezzo basso quando si paga in contanti al supermercato.
Prezzo alto quando paga pantalone in farmacia e nel negozio specializzato che ritira le ricette.

Quando i produttori posizionano i loro prodotti al supermercato, il loro obiettivo non è l’1% di clientela celiaca, ma il 99% dei clienti non celiaci incuriositi dal provare l’alimentazione senza glutine, gli intolleranti momentanei, quelli che seguono per un determinato periodo una dieta di esclusione, ecc.
In aggiunta a questi c’è ovviamente tutto il mondo che ruota intorno al singolo celiaco: la sua famiglia, gli amici che hanno bisogno di un pacco di pasta per invitare a cena il celiaco, e dulcis in fundo, il celiaco stesso che ingolosito dalle offerte una tantum, decide di fare tutta la spesa per sè e per la sua famiglia nel supermarket in questione.

In questo supermercati e produttori incontrano le rispettive esigenze: i produttori ampliano il proprio mercato, rendono più accessibile il prodotto senza glutine, altrimenti inavvicinabile, per via del prezzo molto più alto rispetto al vicino di scaffale glutinoso.
Contemporaneamente colmano le esigenze del celiaco a cui non bastano i 100 euro al mese che in media il Ministero gli riconosce.

Il supermercato allarga la sua fetta di mercato, dando un servizio in più alla sua clientela, utilizzando spesso il prodotto gluten free come specchietto per le allodole, interessato in realtà a vendere tutto il resto, dove ha una marginalità ben superiore.
Non è interesse del supermercato ritirare le ricette, in quanto aspettare mesi e mesi i tempi di rimborso delle regioni non è una attività considerata economica dalle direzioni commerciali dei grandi gruppi.
Le eccezioni a questa regola le si possono trovare nelle regioni più virtuose (ossia veloci a pagare) e nei gruppi che come Coop si fanno realizzare prodotti a proprio marchio per aumentare la propria marginalità.

Ora che sei pazientemente arrivato fin qui, se io ti chiedo quale sia la soluzione in relazione ai prezzi, tesa al  miglioramento della qualità della vita dei celiaci, tu cosa mi rispondi?

  • Una autority di controllo sui prezzi accettati dal Ministero della Salute?
  • L’intervento del garante della concorrenza dei prezzi e del mercato?
  • Una delibera tesa alla calmierazione dei prezzi in riferimento ai prodotti per cui il produttore richiede la mutabilità, pena la non accettazione della mutabilità stessa?

Se sei una persona a cui non interessano i finanziamenti dei produttori mi rispondi una delle tre opzioni appena proposte.
Ho paura che se fai parte di AIC tu mi risponda che

il tuo ruolo di portavoce delle esigenze dei celiaci ti ha permesso di mettere a disposizione dei tavoli tecnici le tue competenze e la tua esperienza.

E buona camicia a tutti.

Pubblicato da Celiachiamo.com Srl
Vendita e distribuzione prodotti senza glutine
Via Giulio Venticinque 32/34 - Roma
www.celiachiamo.com

I Robo-Celiaci

Sunday, May 10th, 2009

Robo Celiaco

La Domenica delle Salme

Girando per l’Italia incontri tante persone ed è veramente la parte più bella del nostro lavoro ascoltare gli altri, scambiarsi le ricette gluten free, ricevere complimenti (e perché no, anche consigli per crescere ancora).

È veramente fikissimo guardare la faccia dei bambini che assaggiano le pizzette e vedere mamme e papà tranquilli perché al nostro tavolo non c’è niente che il loro piccolo celiaco non possa mangiare.

Ultimamente eravamo presenti con i nostri prodotti artigianali ai convegni dell’AIC di alcune regioni, ed è stato molto gratificante conoscere di persona alcuni dei nostri amici che si riforniscono su Celiachiamo.com per i loro acquisti senza glutine: tutti interessati, appassionati chi dei biscotti del buon mattino chi dei cornetti senza glutine per la prima colazione, amanti delle pizze genovesi o della pasta fresca che le nostre monache preparano tutti i lunedì e giovedì.

Mi piace però raccontare di alcuni personaggi che definirei “mitologici” perché davvero curiosi, che se li provi a descrivere ci credono in pochi ma poi quando li incontri sono davvero divertentissimi.
Chi sono? Beh, potremmo definirli “robo-celiaci”.

Avete presente ringhio Gattuso od un atleta in trance agonistica?

Beh, niente a confronto di alcuni robo-celiaci che:

  1. Testa china
  2. Occhi iniettati di sangue
  3. Gomiti a 90° per farsi largo tra la folla
  4. Capacità di portare contemporaneamente più buste del maggiordomo di Crudelia Demon
  5. Avambraccio a mezzaluna per poter raccogliere dal tavolo più prodotti possibile

scambiano i convegni AIC in commemorazioni del passaggio degli Unni in terra italica ed al grido “Saccheggiamoooo!!!” assoldano mariti/mogli/cugini/anziani di passaggio/vicini di casa/extracomunitari clandestini/trasportatori abusivi/sherpa nepalesi per portare via dai tavoli di degustazione delle aziende produttrici e distributrici di prodotti senza glutine più buste, assaggi e assaggini possibile.
Il problema è quando il robo-celiaco prova a strapparti via anche l’orologio o è convinto che anche la tovaglia ed il tavolo essendo naturalmente senza glutine siano commestibili… :)

Ho visto cose che voi celiaci non potete neanche immaginare:

  • Genitori che dicevano al figlio piccolo  “Aspettami qui vicino a questa pianta, non ti muovere” perché avevano usato il passeggino come montacarichi per le buste di prodotti gluten free presi in assaggio, quindi il piccolo era il secondo carico da effettuare, preceduto ovviamente dalle vettovaglie.
  • Robo-celiaci chiedere in assaggio un cesto contenente 200 occhi di bue al cioccolato.
  • Altri ancora affermare che le loro 5 figlie (tutte ovviamente rigorosamente celiache) erano o influenzate o proprio quel giorno alla visita di controllo dal gastroenterologo  (poco importa che era domenica): ecco perché meritavano 5 buste di assaggi anziché una sola.
  • Nonni robo-celiaci aizzare i nipotini affinché strisciando sotto al tavolo stile soldato Jane potessero scavalcare la fila arrivando per primi al Santo Graal della crostatina morellina omaggio.
  • Altri ancora svuotare e rigirare la busta omaggio in modo che il logo fosse all’interno:  affermare poi di non aver ricevuto precedentemente nessun assaggio e che quella in loro possesso sembrava la nostra busta, ma in realtà non lo era:)
  • Dulcis in fundo un signore che vedendo accanto al poster “Celiachiamo.com” un cartone da 24 colombe senza glutine era convinto che l’intero cartone potesse volare via con lui.

La cosa bella è che noi siamo abituati, ma la faccia dei celiaci “normali” che si trovano vicino questi robo-celiaci, beh quella è davvero tutta un programma: li guardano come extraterrestri (come dargli torto?) quindi assistere a queste scene vi assicuro che è spassosissimo.

Il prossimo anno consiglieremo ad AIC di mantenere gratuita la partecipazione a queste assemblee, ma di far pagare il biglietto per le tribune: vi assicuro che di risate se ne fanno tantissime.

E a noi ridere piace un sacco.